L’avete mai fatto all’americana? Parliamo del pesto, naturalmente. E presumiamo di no, almeno se l’idea che gli americani hanno del pesto è quella riportata su Kansas City Infozine.

Nella città del Missouri (la seconda città al mondo per numero di fontane con oltre 200, dietro solamente a Roma che di fontane ne ha più di 2000), la ricetta viene decantata con profondo rispetto e ammirazione.

Il che ovviamente, non esclude ma prelude all’ inevitabile “americanizzazione”.

Partiamo quindi per un breve viaggio la cui premessa è curiosa: “Il pesto è uno splendido modo per servire non solo la pasta ma anche le patate”. Novelle. Del resto anche noi amiamo unire patate e fagiolini alla trenette, no? Che problema c’è, quindi, a usarlo come condimento di un’insalata? Nessuno, se non che, più avanti, il giornalista ci informa che “questo pesto è dotato sia di basilico fresco che di spinaci”. Già, perché includendo gli spinaci, “si ottiene una spinta in più di vitamina C e di ferro, che ci avicina al nostro obiettivo “veggie” quotidiano”.

Se pensate che sia tutto, fate un altro bel respiro e preparatevi a un’altra piccola aggiunta: “La tipica ricetta del pesto richiede pinoli o noci, ma i semi di girasole danno alla salsa una consistenza un po più croccante“. Ma, soprattutto, i “semi di girasole sono carichi di proteine, acidi grassi essenziali, fibre, vitamina E, selenio e fitosteroli, che aiutano ad abbassare il colesterolo nel sangue”. Non stupisca, la nota: siamo pur sempre nel paese col più alto indice di obesità al mondo, dove il buon cibo è sempre legato a doppio filo all’impatto che ha sulla salute umana.

E se decidete di non usare tutto il vostro “american pesto” nell’insalata di patate, conclude il nostro giornalista, provatelo “con i bastoncini di carota ma soprattutto con un bel “pollo arrosto alle erbe per un pasto meravigliosamente saporito e nutriente”.

Enjoy your meal, guys!

Pesto, da “Santa” si alza una voce: “Toti convochi subito un tavolo dei produttori”.
“Vorrei ringraziare il nostro governatore, Giovanni Toti, per aver prontamente difeso il nostro pesto dagli attacchi del The Guardian”. Laura Benazzi, export manager di Perla
Leggi di più
Un testimonial d’eccezione fa decollare la popolarità del Pesto
Quanto può valere una foto di un piatto di pasta al pesto su Instagram con una dichiarazione d'amore allegata? “Dichiaro
Leggi di più
Idee per l’estate. Spaghetti aglio, olio e…Pomodori secchi
Nel pieno dell'estate il peperoncino può essere un ottimo alleato contro il caldo. Non a caso in molti paesi africani
Leggi di più
I prodotti Perla “prendono il volo”
A proposito di... Pesto che vola. Da qualche anno, grazie a specifici accordi con i negozi interni agli aeroporti, i
Leggi di più
Ora il pesto mette le ali
E' di questi giorni la bella notizia, rimbalzata su tutti i media locali e nazionali, che il “nostro"  pesto, finalmente,
Leggi di più
Direzione U.S.A: the America “Project”
“Puntiamo la prua verso gli Stati Uniti. Letteralmente”. Le parole dell'export manager di Perla, Laura Benazzi (nella foto), sono la
Leggi di più