Produrre un vero pesto genovese biologico è per noi un atto di responsabilità verso le persone e verso l’ambiente, un passo decisivo verso un’idea di alimentazione sana e corretta,coerente con ciò che tutti desideriamo. Per noi e per i nostri figli.


 

IL VER0 PESTO GENOVESE BIOLOGICO CON BASILICO D.O.P.

 

Biologico? Si, grazie!

sial1

“Produrre un vero pesto alla genovese biologico è per noi un atto di responsabilità verso le persone e verso l’ambiente, un primo passo verso un’idea di alimentazione sana e corretta, coerente con ciò che tutti desideriamo. Per noi e per i nostri figli”.

Sono queste le parole scelte da Laura Benazzi, export manager di Perla, per presentare ai lettori di perlasrl.it il Pesto biologico, fresco e a lunga conservazione, in vasetto di vetro o plastica: un fiore all’occhiello dell’azienda che da alcuni mesi è acquistabile anche in diversi punti vendita di Coop Liguria, Coop Italia, Unicoop Firenze e nelle migliori gastronomie italiane ed estere.

Più sano, più digeribile, legato a un ideale di biodiversità ma anche più indicato per le donne, soprattutto in gravidanza o con bambini ancora non svezzati. Sono molte le ragioni che spingono medici e nutrizionisti a consigliare un prodotto biologico, attento alla qualità delle materie prime e all’interazione fra l’uomo e l’ambiente. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il 23% dei decessi in tutto il mondo è causato dall’inquinamento ambientale, e l’uso dei pesticidi aggrava il problema con conseguenze dirette sulla salute umana. Fra i soggetti più a rischio, come anticipato, le donne, il cui corpo ha un indice di massa grassa più elevato. Qui si sedimentano i composti nocivi degli insetticidi, con conseguenze potenzialmente dannose per l’apparato riproduttivo. Infertilità, endometriosi e ovaio policistico possono essere alcuni degli esiti favoriti dalle sostanze chimiche presenti nei pesticidi; sostanze che, in caso di gravidanza, possono raggiungere anche il feto o accumularsi nel latte materno.

“Vogliamo informare le persone sulle ragioni che spingono Perla a investire su questo mercato – conclude Laura Benazzi – Ragioni non solo economiche ma anche etiche. Nel nostro pesto vengo utilizzati olio d’oliva extra vergine bio, basilico genovese DOP bio, pinoli bio, aglio bio , formaggio bio. Altri produttori usano anacardi e olio di girasole, certamente biologici ma poco rispettosi della tradizione e poco inclini a soddisfare gli elementari standard di qualità. Sono informazioni che desideriamo condividere con i nostri buyer e coi nostri clienti per promuovere stili di vita migliori e più consapevoli. Soprattutto per le generazioni che verranno”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sei un buyer o un rivenditore? Vuoi essere contattato da un nostro agente? 

Scopri anche il Pesto “Portofino” a Lunga Conservazione non pastorizzato


 

 

 

 

 

 

 

 

 

Farro, tre idee per un’estate leggera e sfiziosa
Più digeribile del grano, ricco di fibre insolubili, di vitamine del gruppo B, con un buon contenuto proteico e di
Leggi di più
Cibus 2016: l’importanza di esserci
Appuntamento rispettato, anche quest'anno. Dal 9 al 12 maggio 2016 Perla sarà presente a Cibus, il Salone internazionale dell’alimentazione di Parma.
Leggi di più
Basilico, che pasticcio l’ aumento dell’IVA
Brutte notizie per il pesto genovese. Nei giorni scorsi la stampa ha dato risalto al curioso aumento dell'IVA sul basilico:
Leggi di più
I prodotti Perla al Salone di Finalborgo
Ci saranno anche i prodotti Perla al Salone dell'Agroalimentare di Finalborgo, una delle più importanti vetrine eno-gastronomiche regionali. Perla presenzierà
Leggi di più
Leggero ma con sapore? Ecco il primo piatto che vi stupirà
Avete voglia di un piatto di pasta leggero ma saporito, che non deluda le aspettative del palato senza appesantirvi? Un
Leggi di più
Pesto, uno studio riaccende il sogno dell’IGP
L'antropologo Claude Lèvi Strauss scrisse che si perdono più facilmente i codici linguistici di quelli alimentari, portando ad esempio il
Leggi di più