Brutte notizie per il pesto genovese. Nei giorni scorsi la stampa ha dato risalto al curioso aumento dell’IVA sul basilico: dal 4 al 10%. La misura è stata richiesta dall’Unione Europea per chiudere la solita, ennesima, procedura d’infrazione.

A subire aumenti sono anche rosmarino e salvia freschi per usi alimentari. Viene da chiedersi perché l’Europa non gradisca alcuni degli ingredienti più affascinanti della dieta mediterranea, proprio quando gli indicatori sulla salute e gli studi dell’OMS suggerirebbero di aumentare le imposte su ben altri prodotti.

Dobbiamo purtroppo constatare che, se a fare le spese della burocrazia di Bruxelles sono i prodotti che danno vigore, sapore e aroma alla cucina italiana, la colpa è dell’Italia. Ma che cos’è successo, di preciso? E’ presto detto: secondo la legislazione comunitaria del 2006, per alcuni beni e servizi l’Italia poteva fissare un’aliquota ridotta, non inferiore al 5% a meno che la percentuale più bassa (nel nostro caso del 4%) non fosse già in vigore il 1 gennaio 1991. L’Italia ha introdotto invece l’IVA del 4% per basilico, salvia e rosmarino nel 1999, una tassazione di fatto non “armonizzata” col severo diritto comunitario.

Poteva andarci peggio? Eccome: se il basilico passa infatti dal 4 al 10%, l’origano naviga infatti sulla soglia del 22%. La ragione è semplice: l’Italia si era dimenticata di inserirlo fra le erbe alimentari con IVA ridotta. Un pasticcio chiama l’altro. E a pagare, come sempre, sono imprese e consumatori.

Funghi, l’anima selvatica di Liguria
La cucina ligure è una cucina discreta, quasi esoterica, in cui gli ingredienti che decidono i sapori di un piatto
Read more.
Olio extra-vergine, cosa c’è da sapere per avere un prodotto al top
E’ il prodotto simbolo della dieta mediterranea ed uno di quelli che più di altri caratterizza la nostra cucina. In
Read more.
DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane (ancora) al palo
E’ uscito nei giorni scorsi il quindicesimo rapporto Ismea-Qualivita sulle produzioni agro-alimentari e vitivinicole italiane DOP, IGP, STG. Si tratta
Read more.
Pesto, da “Santa” si alza una voce: “Toti convochi subito un tavolo dei produttori”.
“Vorrei ringraziare il nostro governatore, Giovanni Toti, per aver prontamente difeso il nostro pesto dagli attacchi del The Guardian”. Laura Benazzi, export manager di Perla
Read more.
Un testimonial d’eccezione fa decollare la popolarità del Pesto
Quanto può valere una foto di un piatto di pasta al pesto su Instagram con una dichiarazione d’amore allegata? “Dichiaro
Read more.
Idee per l’estate. Spaghetti aglio, olio e…Pomodori secchi
Nel pieno dell’estate il peperoncino può essere un ottimo alleato contro il caldo. Non a caso in molti paesi africani
Read more.