L’industria al servizio delle tradizioni, non le tradizioni al servizio dell’industria. Un semplice slogan? No, molto di più. Almeno nel Tigullio.

E’ infatti la sintesi della filosofia che ha ispirato il nuovo Pesto Portofino Perla da 180 grammi, nuovo non soltanto nel packaging e nell’immagine, in linea con l’eleganza del toponimo, ma anche nel concept.

La sua straordinaria peculiarità è questa: pur essendo un prodotto a lunga conservazione (dura 12 mesi fuori dal frigorifero),  non è pastorizzato come un qualsiasi pesto di una qualsiasi multinazionale. “Pastorizzare il pesto genovese significa alternarne il colore, l’odore, il sapore – spiega l’export manager di Perla srl, Laura Benazzi (in foto) – A quel punto non si dovrebbe nemmeno chiamare pesto, visto che la tipicità di salsa preparata a crudo risulta del tutto compromessa”.

Prodotto shelf-stable, che si mantiene per il pH inferiore a 4.70 e acqua libera controllata a 0.900, il nuovo Pesto Portofino si distingue anche per la tipicità della ricetta e la qualità degli ingredienti: niente noci, men che meno anacardi o altri ingredienti esotici. Il basilico è quello genovese Dop, i pinoli sono di origine italiana, il formaggio grana è quello padano e l’olio, rigorosamente, di oliva.

“Abbiamo immaginato un prodotto di punta che potesse rappresentare al meglio, anche nella gamma di salse a lunga conservazione, un’azienda aderente al Consorzio del Pesto Genovese che lavora quotidianamente per coniugare la biotecnologia agro-alimentare con le tradizioni gastronomiche liguri, il presente col passato”, conclude Laura Benazzi.

Che preannuncia anche, a breve, un evento di presentazione del nuovo Pesto Portofino 180 gr. alla presenza di autorità locali e stampa. “Un’occasione per rilanciare la difesa del pesto dalle incursioni della grande industria extra-regionale, in continuità con la tradizione della mia famiglia“.

Il Pesto Portofino 180 grammi è acquistabile on line nel nuovo e-shop di Perla.

Funghi, l’anima selvatica di Liguria
La cucina ligure è una cucina discreta, quasi esoterica, in cui gli ingredienti che decidono i sapori di un piatto
Read more.
Olio extra-vergine, cosa c’è da sapere per avere un prodotto al top
E’ il prodotto simbolo della dieta mediterranea ed uno di quelli che più di altri caratterizza la nostra cucina. In
Read more.
DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane (ancora) al palo
E’ uscito nei giorni scorsi il quindicesimo rapporto Ismea-Qualivita sulle produzioni agro-alimentari e vitivinicole italiane DOP, IGP, STG. Si tratta
Read more.
Pesto, da “Santa” si alza una voce: “Toti convochi subito un tavolo dei produttori”.
“Vorrei ringraziare il nostro governatore, Giovanni Toti, per aver prontamente difeso il nostro pesto dagli attacchi del The Guardian”. Laura Benazzi, export manager di Perla
Read more.
Un testimonial d’eccezione fa decollare la popolarità del Pesto
Quanto può valere una foto di un piatto di pasta al pesto su Instagram con una dichiarazione d’amore allegata? “Dichiaro
Read more.
Idee per l’estate. Spaghetti aglio, olio e…Pomodori secchi
Nel pieno dell’estate il peperoncino può essere un ottimo alleato contro il caldo. Non a caso in molti paesi africani
Read more.