olio1E’ il prodotto simbolo della dieta mediterranea ed uno di quelli che più di altri caratterizza la nostra cucina. In questi decenni la sua produzione, nel nostro Paese, è aumentata, non solo quantitativamente ma soprattutto qualitativamente per soddisfare la crescente domanda dall’estero. Parliamo dell’olio extra-vergine di oliva, che è uno dei fiori all’occhiello anche di Perla, che da tempo propone ai propri clienti un prodotto estratto a freddo di straordinaria delicatezza, ideale per accompagnare il pesce o per amalgamare il pesto fatto in casa. Ma che cosa rende un olio extravergine così speciale? Sul magazine Stile.it, proprio in questi giorni, è apparso un breve vademecum che vogliamo segnalarvi, un ABC la cui fonte è particolarmente autorevole: parliamo infatti degli esperti del laboratorio pH di TÜV Italia.

La caratterizzazione, innanzitutto. L’olio extravergine di oliva deve essere ottenuto direttamente dalla spremitura delle olive eseguita con soli procedimenti meccanici, badando bene a non esporre il prodotto a temperature superiori ai 40°. L’acidità è molto bassa (inferiore allo 0,8, a differenza dell’olio vergine che può raggiungere il 2%) e non devono sussistere difetti sensoriali.

Sull’etichetta devono essere presenti informazioni su qualità, origine, volume, scadenza, produttore, imbottigliatore e distributore. Le informazioni sul valore nutritivo, il contenuto calorico e quelle riguardanti la salute devono essere conformi alle norme.

Punto fermo, l’imballaggio. Le sostanze nutritive devono essere protette dall’ossidazione dovuta alla luce. Bottiglie in vetro e contenitori di metallo sono sempre preferibili alle bottiglie di plastica, comunemente usate per oli di qualità inferiore.

Infine, la conservazione. L’olio extravergine deve essere mantenuto lontano da fonti di luce e di calore, ma se in inverno viene stipato in un ambiente troppo freddo, con temperature inferiori agli 8°, può accadere che i componenti si cristallizzino e che il prodotto perda fluidità.

Funghi, l’anima selvatica di Liguria
La cucina ligure è una cucina discreta, quasi esoterica, in cui gli ingredienti che decidono i sapori di un piatto
Read more.
Olio extra-vergine, cosa c’è da sapere per avere un prodotto al top
E’ il prodotto simbolo della dieta mediterranea ed uno di quelli che più di altri caratterizza la nostra cucina. In
Read more.
DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane (ancora) al palo
E’ uscito nei giorni scorsi il quindicesimo rapporto Ismea-Qualivita sulle produzioni agro-alimentari e vitivinicole italiane DOP, IGP, STG. Si tratta
Read more.
Pesto, da “Santa” si alza una voce: “Toti convochi subito un tavolo dei produttori”.
“Vorrei ringraziare il nostro governatore, Giovanni Toti, per aver prontamente difeso il nostro pesto dagli attacchi del The Guardian”. Laura Benazzi, export manager di Perla
Read more.
Un testimonial d’eccezione fa decollare la popolarità del Pesto
Quanto può valere una foto di un piatto di pasta al pesto su Instagram con una dichiarazione d’amore allegata? “Dichiaro
Read more.
Idee per l’estate. Spaghetti aglio, olio e…Pomodori secchi
Nel pieno dell’estate il peperoncino può essere un ottimo alleato contro il caldo. Non a caso in molti paesi africani
Read more.