L’antropologo Claude Lèvi Strauss scrisse che si perdono più facilmente i codici linguistici di quelli alimentari, portando ad esempio il caso degli italiani emigrati in America: mentre la lingua madre venne facilmente scalzata dal nuovo idioma, lo stile alimentare dei nostri “nonni” continuò a rispettare conoscenze remote e tradizioni inestirpabili. Esempio di questa persistenza è il pesto genovese, che il fenomeno dell’emigrazione diffuse anzi a livello internazionale in attesa che il turismo di massa completasse l’opera.

E così, oggi, un recente studio della catena alberghiera Soft Living Places ha decretato il pesto fra i piatti più amati dai turisti che nel 2015 hanno visitato l’Italia. Un successo straordinario e in inarrestabile crescita: il turista straniero, una volta arrivato in Italia, vuole gustare questa salsa di basilico nella terra di origine e in versione rigorosamente originale. «Sta a noi, adesso, trovare le forme migliori per tutelarla e certificarla, saperla proporla nel migliore dei modi, grazie al territorio e alle tradizioni, pena perdere la memoria delle origini e della sua ricetta», ha commentato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti.

Se prende quota l’idea dell’associazione Palatifini di presentare la candidatura all’Unesco affinché il pesto possa essere dichiarato patrimonio dell’umanità, la vera battaglia si giocherà sul piano della denominazione d’origine: oltre a essere divenuto, a pieno titolo, una tradizione g-locale, il pesto è anche un business che alletta multinazionali interessate a lucrare su questo successo planetario senza preoccuparsi della genuinità, della qualità e dell’autenticità del prodotto.

E su questo punto il Consorzio del Pesto Genovese, che da dieci anni tutela e promuove attraverso un preciso disciplinare la ricetta tipica, anche con l’obiettivo di ottenere un riconoscimento in sede europea, è inamovibile: “E’ incomprensibile che nessuno a Roma dimostri sensibilità al riconoscimento del Pesto Genovese – spiega il Presidente Daniele De Rosa, promettendo di riaccendere molto presto i riflettori sul tema – Sono state premiate le peculiarità di molte altre specialità alimentari italiane ed il Pesto, che è tra i prodotti italiani più noti, sembra ingiustificatamente trascurato”.

Funghi, l’anima selvatica di Liguria
La cucina ligure è una cucina discreta, quasi esoterica, in cui gli ingredienti che decidono i sapori di un piatto
Read more.
Olio extra-vergine, cosa c’è da sapere per avere un prodotto al top
E’ il prodotto simbolo della dieta mediterranea ed uno di quelli che più di altri caratterizza la nostra cucina. In
Read more.
DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane (ancora) al palo
E’ uscito nei giorni scorsi il quindicesimo rapporto Ismea-Qualivita sulle produzioni agro-alimentari e vitivinicole italiane DOP, IGP, STG. Si tratta
Read more.
Pesto, da “Santa” si alza una voce: “Toti convochi subito un tavolo dei produttori”.
“Vorrei ringraziare il nostro governatore, Giovanni Toti, per aver prontamente difeso il nostro pesto dagli attacchi del The Guardian”. Laura Benazzi, export manager di Perla
Read more.
Un testimonial d’eccezione fa decollare la popolarità del Pesto
Quanto può valere una foto di un piatto di pasta al pesto su Instagram con una dichiarazione d’amore allegata? “Dichiaro
Read more.
Idee per l’estate. Spaghetti aglio, olio e…Pomodori secchi
Nel pieno dell’estate il peperoncino può essere un ottimo alleato contro il caldo. Non a caso in molti paesi africani
Read more.