640px-Pizzochero“La tradizione povera valtellinese — spiega Fabio Moro — vuole che i pizzoccheri siano serviti con burro, formaggio, aglio e verze, lo ha stabilito anche l’Accademia del pizzocchero di Teglio. Ma questo non vuol dire che altri abbinamenti siano sbagliati”.

Fabio Moro è il presidente del comitato per la valorizzazione dei pizzoccheri valtellinesi, gemma gastronomica di ben 4 secoli di vita, di cui vi parliamo per due ragioni: la prima è per suggerirvi di provarli col pesto genovese o con la salsa di noci.

I pizzoccheri sono infatti “tagliatelle” spesse 2 o 3 mm, larghe 0,5 cm e lunghe 7 cm, ricavate da un impasto preparato con due terzi di farina di grano saraceno, che denota la loro tipica colorazione tendente al grigio, ed un terzo di farina di frumento. La loro pastosità e morbidezza li rende particolarmente adatti alle salse liguri, con le quali vi suggeriamo assolutamente di testarli per celebrare – questa è la seconda ragione che ci spinge a parlarne – l’ingresso di questo prodotto nell’universo dell’IGP.

La scorsa primavera, infatti, i pizzoccheri della Valtellina hanno ottenuto l’ indicazione geografica protetta, la stessa che, sotto l’egida del Consorzio del Pesto Genovese, vorremmo far guadagnare al nostro prodotto di punta. La lotta per l’Igp del pizzocchero era nata in opposizione a un concorrente di Milano – tutto il mondo è Paese! – che è stato condannato a risarcire gli autentici produttori per l’usurpazione del nome.

I fondi ottenuti sono serviti al comitato per iscriversi al Distretto agroalimentare di qualità della Valtellina e finanziare la pubblicità dei prodotti tipici. Il prossimo passo è previsto il 15 settembre, quando i mastri pastai si riuniranno per costituire un consorzio di tutela che salvaguardi la qualità e la nomea del pizzocchero in Italia, in Europa e nel mondo. Anche dalla Liguria, un mare di auguri!

Funghi, l’anima selvatica di Liguria
La cucina ligure è una cucina discreta, quasi esoterica, in cui gli ingredienti che decidono i sapori di un piatto
Read more.
Olio extra-vergine, cosa c’è da sapere per avere un prodotto al top
E’ il prodotto simbolo della dieta mediterranea ed uno di quelli che più di altri caratterizza la nostra cucina. In
Read more.
DOP e IGP fanno numeri da capogiro, ma il pesto rimane (ancora) al palo
E’ uscito nei giorni scorsi il quindicesimo rapporto Ismea-Qualivita sulle produzioni agro-alimentari e vitivinicole italiane DOP, IGP, STG. Si tratta
Read more.
Pesto, da “Santa” si alza una voce: “Toti convochi subito un tavolo dei produttori”.
“Vorrei ringraziare il nostro governatore, Giovanni Toti, per aver prontamente difeso il nostro pesto dagli attacchi del The Guardian”. Laura Benazzi, export manager di Perla
Read more.
Un testimonial d’eccezione fa decollare la popolarità del Pesto
Quanto può valere una foto di un piatto di pasta al pesto su Instagram con una dichiarazione d’amore allegata? “Dichiaro
Read more.
Idee per l’estate. Spaghetti aglio, olio e…Pomodori secchi
Nel pieno dell’estate il peperoncino può essere un ottimo alleato contro il caldo. Non a caso in molti paesi africani
Read more.